LETTORE DI CODICE A BARRE 1D O 2D: LE DIFFERENZE E I MOTIVI DELLA SCELTA

Pubblicato da Cristina Urbisaglia il

Lettore di codice a barre 1D o 2D? Per scegliere il tipo che più si adatta alle nostre esigenze, la prima domanda che bisogna porsi è: qual è l’uso che devo farne?

La questione è relativa alle caratteristiche del tipo di lettore che si va ad acquistare. Questi strumenti di identificazione sono divisibili in due categorie: LETTORI DI CODICE A BARRE 1D (codice a barre lineare) e LETTORI DI CODICE A BARRE 2D (codice a barre bidimensionale).

Lettori di codice a barre 1D e 2D, quali sono le differenze

Con l’evoluzione tecnologica degli ultimi anni e la “smartizzazione” di molte attività, le aziende hanno imparato a realizzare “in casa” i codici dei propri prodotti e la tendenza è dunque avere a disposizione tutto il necessario per creare e gestire il magazzino, dalla stampante, alle etichette, fino al lettore di codice a barre o al palmare.

Se il codice a barre è lineare

La lettura dei codici a barre lineari permette, come dice il nome stesso, di interpretare attraverso scanner laser o linear imager tradizionale, dati orizzontali, ovvero quelli composti da una serie di linee e spazi bianchi verticali più o meno stretti tra loro e un codice numerico.

Gli esempi più comuni di codice a barre leggibili con il lettore di codice a barre 1D sono il codice EAN 13, l’Interleaved 2 di 5, il 128 e il 39.

In linea generale, i codici a barre 1D non dovrebbero essere molto lunghi, in quanto i lettori potrebbero avere qualche difficoltà a leggere sequenze di codice larghe.

Se il codice a barre è bidimensionale

I lettori di codice a barre 2D (bidimensionali) sono, invece, in grado di scansionare ed interpretare una serie di dati più complessi e più numerosa, grazie a gruppi ottici area imager o basati su fotocamera.

Possono essere formati da quadrati, punti, esagoni e altri modelli geometrici e rappresentare numeri, stringhe di caratteri, indirizzi web, immagini, testi.

Il loro campo di applicazione è quello degli oggetti di piccole dimensioni (ma non è l’unico), che per ovvie ragioni di spazio non potrebbero ospitare codici identificativi 1D, come ad esempio, circuiti integrati di apparati elettronici e strumenti chirurgici.

Quali sono i codici 2D più utilizzati? Certamente tra quelli più noti, troviamo il QR, il PDF417 e il Data Matrix.

Lettore 1D o 2D: quale scegliere?

Se la tua unica necessità è quella di leggere codici 1D, non ha alcun senso acquistare un lettore 2D, con l’ambizione di avere un modello idealmente “più performante”: andrà benissimo un lettore 1D e l’unica possibilità di scelta è relativa alla connettività, che può essere via cavo o wireless.

Se, invece, devi scansionare codici a barre 2D (e 1D), potrai affidarti con tranquillità ad un lettore ad hoc. C’è da dire anche che un lettore di codice a barre 2D può rappresentare una soluzione efficace da utilizzare quando ci si trova di fronte a codici lineari rovinati o stampati male.

Conclusioni

La scelta del lettore di codice a barre è, come in molti casi in questo ambito, vincolata all'utilizzo che se ne deve fare. Pertanto, un errore da non commettere, come detto, è acquistare un lettore bidimensionale, pensando di "leggere un codice 1D con maggiore facilità". 

Per qualsiasi informazione puoi contattarci al numero 0651848187 o scriverci su info@acsistemisrl.com

AC Sistemi ==> Stampa del codice a barre ==> Lettura del codice a barre ==>  Etichette ==> Grafica ==> e tanto altro

Seguici sul nostro blog tecnico www.acnet.it

INSTAGRAM https://www.instagram.com/acsistemi/

YOUTUBE https://www.youtube.com/@ACSISTEMI


Condividi questo post



← Articolo più vecchio Articolo più recente →